.
Annunci online

29 dicembre 2010
Europa adriatica
Franco Botta e Italo Garzia, entrambi professori all'Università di Bari, hanno posto l'attenzione delle lore ricerche accademiche sui rapporti tra l'Italia e i paesi balcanico-adriatici.
I frutti dei loro studi sono esposti nel bel libro "Europa adriatica", edito da Laterza: un'antologia di saggi dal carattere storico, economico e sociale in grado di approfondire la conoscenza dei nostri vicini transadriatici... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

28 dicembre 2010
Gorizia e il suo confine: tre anni dalla "notte di Schengen"
"L'hanno alzata, l'hanno alzata". Così una folla festante accoglieva il sollevamento della sbarra confinaria presso il valico di Casa Rossa, la notte tra il 20 e il 21 dicembre 2007 a Gorizia.
La Slovenia entrava a tutti gli effetti in Schengen e la frontiera che aveva diviso per 60 anni le "due Gorizie" era stata finalmente abolita.
L'immagine che veniva consegnata agli annali era quella delle migliaia di cittadini intenti ad attraversare il confine finalmente libero.
Quel confine che per decenni aveva sancito la separazione tra due realtà antitetiche: da una parte l'Italia e il mondo occidentale, dall'altra la Jugoslavia e il blocco comunista.
Un limes doloroso, che aveva ferito una città, Gorizia, scindendola dal suo entroterra, dalla sua storia e dalle sue tradizioni... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

20 novembre 2010
Giovani Balcani
Chi si reca per la prima volta nei Balcani, viene colpito subito da una particolarità: l'alto tasso di giovani nella popolazione. L'area della ex Jugoslavia è infatti una delle zone europee a maggior presenza giovanile.
Una società di under 30 dall'ottima scolarizzazione, dallo spirito intraprendente e dalla vocazione europea... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

29 settembre 2010
Tre uomini in bicicletta
Un viaggio in bici da Trieste ad Istanbul: è quello che hanno fatto Paolo Rumiz, inviato speciale di “Repubblica” e de “il Piccolo”, Francesco Tullio Altan, noto vignettista ed Emilio Rigatti, insegnante di italiano e cicloamatore. Un’avventura su due ruote che ha dato vita al bel libro “Tre uomini in bicicletta” edito da Feltrinelli.
Divisa in 18 capitoli, uno per tappa, l’opera è una diario di bordo scanzonato e divertito... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

17 settembre 2010
Aleksandrinke, slovene d'Egitto
La storia dell'emigrazione internazionale tra fine '800 e prima metà del '900 è ricca di aneddoti: comunità di veneti sbarcati in Papua Nuova Guinea, venduta loro come l'Eden; gruppi di anarchici europei espatriati in Sudamerica con il sogno di costituire piccole società agricole utopiche.
Una delle vicende più originali è senza dubbio quella di alcune ragazze slovene emigrate ad Alessandria d'Egitto: conosciute con il nome di "Aleksandrinke", provenivano quasi tutte dalla zona del Collio goriziano... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

21 luglio 2010
Cooperazione Adriatica
L’Adriatico è da sempre considerato come una sorta di lago: la distanza tra la sponda italiana e quella balcanica è limitata e questa vicinanza ha favorito negli anni scambi commerciali e culturali. Tali relazioni sono così alla base della cosiddetta “Cooperazione Adriatica”, uno dei pilastri della politica estera tricolore. Molti sono in questo senso i progetti di partnership attuati sia dal governo italiano che dall’Unione Europea ... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

29 maggio 2010
Jadranka Juras, sound sloveno
Jadranka_juras La Slovenia ha appena 2 milioni di abitanti ma una scena musicale ricca di talenti. Una delle artiste più interessanti è senza dubbio Jadranka Juras, cantante jazz e r&b. Protagonista di innumerevoli concerti nei club di Lubiana... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Musica Slovenia Jazz Spettacoli

permalink | inviato da liblab1984 il 29/5/2010 alle 9:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

19 maggio 2010
Balkan Football Club
Football20220small Genio e sregolatezza: così si potrebbero riassumere le doti dei calciatori di origine balcanica. Gente che non ama essere imbrigliata in rigidi schemi di gioco e che alla giocata semplice preferisce sempre il colpo ad effetto, il colpo impossibile. Nel campionato italiano la colonia calcistica balcanica è alquanto nutrita. I primi a calcare i nostri campi furono il croato Zvonimir Boban... Continua su Radio Balcani (clicca qui)

29 aprile 2010
E' nato Radio Balcani
Guca E' nato Radio Balcani, il blog interamente dedicato ai paesi dell'Europa Sud Orientale. Un viaggio tra politica, cultura, società, musica e divertimento. Vieni a visitarlo all'indirizzo: http://radiobalcani.blogspot.com

4 dicembre 2009
Berlino made in Italy: Gorizia e Nova Gorica
Gorizia2 Nell'ultimo mese si è fatto un gran parlare di Berlino, della caduta del Muro e della vita ai tempi della città divisa tra Oriente e Occidente. Pochi sanno però che anche in Italia, per circa 60 anni, vi è stata una piccola Berlino: stiamo parlando di Gorizia. Attraversata dalla linea di demarcazione che separava l'Italia dalla Jugoslavia, la località giuliana ha visto nascere al suo fianco una città gemella: Nova Gorica. Quest'ultima era stata progettata come il simbolo del potere comunista. Palazzi moderni, strade larghe: tutto doveva colpire l'immaginazione dei dirimpettai italiani ed attrarli verso il socialismo reale. Con la disgregazione della Jugoslavia, la nascita della Slovenia e la sua entrata nell'Unione Europea, la pluridecennale divisone tra le due Gorizie ha visto fine. Ma le differenze tra le due cittadine rimangono tuttora: mentre Gorizia è tipicamente mitteleuropea, sospesa nel tempo e caratterizzata da un pizzico di malinconia e immobilismo, Nova Gorica è invece una realtà vitale, energica, piena di caffè e locali dove il chiacchiericcio dei ragazzi è un'abitudine. Come ama ripetere l'ex ministro degli Esteri Gianni de Michelis, il Nord Est italiano rischia di diventare una colonia economica slovena. Vista dal confine goriziano questa affermazione pare proprio vera. 

sfoglia novembre        gennaio